Energie rinnovabili

Nel settore delle energie rinnovabili le operazioni di PPP presentano una buona capacità di generare reddito nella fase operativa della gestione attraverso ricavi da utenza, che consentono al privato un integrale recupero dei costi di investimento. Tali operazioni, pertanto, non hanno generalmente bisogno di risorse pubbliche a fondo perduto per raggiungere l’equilibrio economico finanziario. Le buone capacità di autofinanziamento consentono piuttosto di ipotizzare meccanismi di retrocessione dei ricavi o di energia a favore del partner pubblico. La realizzazione di impianti fotovoltaici in PPP è una delle soluzioni già adottate dalla PA, che ne ricava diversi vantaggi: realizzazione di nuove strutture con tempi e costi inferiori, ottimizzazione delle risorse pubbliche, efficientamento energetico di edifici pubblici esistenti e di nuova costruzione, stimolo alla creazione di una filiera settoriale ecc. 
La parte privata ha il vantaggio di operare in un settore con livelli tariffari di ritiro dell’energia prefissati per legge e con livelli di produzione di energia facilmente stimabili in relazione alla localizzazione degli impianti. La combinazione di questi due elementi costituisce una garanzia in termini di stabilità dei flussi di cassa e redditività.

(Fonte: IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO MANUALE OPERATIVO, Febbraio 2012, ASSET Camera, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma)

 

Tipologie di contratti


Il Codice dei contratti pubblici, all’art. 3, comma 15-ter, definisce i contratti di partenariato pubblico privato come... segue